Indietro

ⓘ Karl Wolfgang Scheiber




                                     

ⓘ Karl Wolfgang Scheiber

Figlio del Oberjägers Hunter Ludwig Scheiber e di sua moglie Anna nata Doser in Stanzach Lechtal in Tirolo dove ha frequentato la scuola elementare e media; successivamente invece ha frequentato la scuola secondaria presso Innsbruck. Ha scritto due romanzi utopistici con il cui guadagno ha costituito la base finanziaria per la costruzione di una manifattura dei tappeti in Stanzach. La manifattura, esistita fino al 1998, gli ha dato la possibilità di vendere i loro prodotti in Europa centrale.

                                     

1. Politica regionale

Si è battuto instancabilmente per lautodeterminazione dellAlto Adige. Nel 1957 fondò il partito Freie Tiroler Heimatliste ". Nel 1965 fu solo a livello provinciale ma dal 1970 divenne presidente della Bergisel-Bund BIB austriaca, la quale fiancheggiò i terroristi del Befreiungsausschuss Südtirol. In questa veste, nel 1979 ha ricevuto dallex segretario generale Kurt Waldheim delle Nazioni Unite a New York. Per lItalia, ha ricevuto quindi un divieto permanente di ingresso. Nel 1966 dopo la fusione delle associazioni altoatesine per Union für Südtirol ", ne è stato il presidente esecutivo.

Dal 1962 al 1965 divenne sindaco della sua città natale Stanzach dove si trasferì le sue attività principali nella valle Tannheimer. Nel 1970 ha fondato il Talschaftsverband per scopi promozionali.

                                     

2. Manifestazione a Gries di Brennero

Fu uno degli ideatori della manifestazione svoltasi a Gries am Brenner il 15 settembre 1991, soprannominata "vento baltico", ovvero "una grande manifestazione al Brennero, quele primo obiettivo per conseguire il più velocemente possibile la riunificazione del Tirolo e impedire la concessione della quietanza liberatoria". Nella primavera venne fondato il gruppo Wiedervereinigung Jetzt letteralmente "riunificazione adesso", politicamente vicino alle idee della politica Eva Klotz, sostenuti da Christian Waldner, segretario della Junge Generation dellSVP, Ferdinand Willeit e Franz Arthur Pahl, autore del libro Tiroler Einheit, jetzt! dove indica i 5 punti per la secessione dellAlto Adige e la sua riunificazione al Tirolo austriaco. Il riferimento allautodeterminazione preoccupa lSVP tanto che lObmann Roland Riz è costretto nuovamente a prenderne le distanze e dichiarando che i membri dellSVP potranno partecipare alla manifestazione ma solo a titolo personale. Dallidea iniziale della manifestazione, alcuni soggetti di spicco, come la deputata di Innsbruck Eva Lichtenberg, si ritirano. Altri parteciperanno personalmente come Alexander Langer. Lidea della manifestazione presso il confine austriaco alimenta una contro manifestazione dellMovimento Sociale Italiano MSI dallaltra parte del confine.

Il giorno della manifestazione non vi fu una partecipazione di massa come aspettata; dei 16.000 Schützen in 138 compagnie, parteciparono solo 4.000, di cui 500 provenienti dal Trentino e 1000 dallAlto Adige. Luis Durnwalder, futuro governatore dellAlto Adige, era anche presente alla manifestazione, fu fischiato durante il suo intervento improntato sulla Realpolitik e alla scelta per lautonomia. Da questa manifestazione ne escono vincitori le sue idee assieme a quelle di Alois Partl, maggiormente orientate alla nascita della Regione europea del Tirolo, la futura Euregio Tirolo-Alto Adige-Trentino. Altri esponenti irredentisti come Hans Stieler definiscono la delusione della manifestazione come figlia del benessere economico, così come il contadino che a messo a disposizione i prati di Griesberg.